Partono gli incentivi auto della Regione Friuli Venezia Giulia

È ora di rottamare la tua auto: scopri perché.

Da un po’ di tempo stai valutando l’acquisto di un’auto elettrica, ma continui a tentennare? Ora puoi anche smettere di rimandare!

Da un paio di anni la regione Friuli Venezia Giulia ha dato il via libera agli incentivi per chi decide di cambiare l’auto, sostituendola con un modello a basso impatto ambientale.
Questa misura inserita all’interno della legge di stabilità era già stata deliberata nel piano regionale per la mobilità elettrica di inizio 2018 e prevede anche, entro il 2030, la realizzazione di numerose postazioni di ricarica elettriche.

Rottamazione auto benzina o diesel per privati

Che tipo di auto puoi rottamare per avere il contributo?  La norma accetta solo vecchie automobili a benzina Euro 0 / Euro 1 o a gasolio fino a Euro 4 incluso. Il contributo verrà erogato in seguito all’acquisto contemporaneo di un’auto (o pulmino) di categoria M1 (per trasporto di massimo 8 persone) delle seguenti categorie:

  • nuova di fabbrica,
  • a km 0 (immatricolata da meno di due anni),
  • usata (immatricolata da meno di due anni),
  • con alimentazione bifuel (cilindrata non superiore a 4.000 cc e che rientri nella categoria Euro 6),
  • con alimentazione ibrido (cilindrata non superiore a 4.000 cc e che rientri nella categoria Euro 6),
  • con alimentazione elettrica.

Quindi, via libera alle formule ibride benzina+metano, benzina+elettrico o alle auto totalmente elettriche.

Importi del contributo regionale FVG per la rottamazione

Come era ampiamente previsto, l’importo maggiore di contribuzione riguarda i veicoli totalmente elettrici, il cui prezzo è sicuramente più elevato degli omologhi ad alimentazione tradizionale.
Per i veicoli nuovi si arriva infatti a 5.000 euro per l’acquisto di un’automobile elettrica pura, che scendono a 4.000 per l’acquisto di una ibrida, soluzione sicuramente più versatile, visto che la rete di colonnine di ricarica non è ancora così capillare in tutto il territorio regionale.

A questo proposito, secondo il Piano regionale, le nuove colonnine si concentreranno non solo nei capoluoghi di provincia (Trieste, Gorizia, Udine e Pordenone) ma anche in 25 località più piccole, caratterizzate da un forte pendolarismo per studio, lavoro e turismo. Due esempi sono Monfalcone per l’importanza dei cantieri navali e Ronchi dei Legionari per l’aeroporto regionale.

Infine, per chi volesse optare per una formula più tradizionale ma ugualmente ecologica come quella a doppia alimentazione benzina/metano, la Regione ha previsto un contributo di 3.000 euro.

Nel caso di veicoli usati invece l’importo di contribuzione arriva a:

  • 1.500 euro per l’acquisto di auto bifuel,
  • 2.000 euro per l’acquisto di veicoli bridi,
  • 2.500 per l’acquisto di auto con alimentazione elettrica.

Requisiti per accedere al contributo di rottamazione

Per ricevere il bonus, è indispensabile la residenza in Friuli Venezia Giulia (in data di presentazione della domanda).

Come presentare la domanda di contributo

Le domande devono essere presentate alla Camera di commercio entro sei mesi dalla data di acquisto di cui all’art. 2, comma 1, lettera f-bis del Regolamento.

L’iniziativa è retroattiva, per cui il nuovo veicolo ecologico può anche essere stato già ordinato/acquistato precedentemente a partire dal giorno 1 agosto 2019.